Perché sorride?


“Circolano diverse ipotesi sul sorriso di Monnalisa.

(Monna è una contrazione del termine Madonna, che significa signora). Forse è felice perché in quell’anno 1502 aveva appena messo al mondo il suo secondogenito. Lo dimostra e leggero velo nero appoggiato sulla spalla sinistra: a quei tempi lo portavano le donne incinta, o quelle che avevano appena partorito.

Oppure sorridere perché Leonardo da Vinci ha voluto fare un gioco di parole sul nome di suo marito, Giocondo. La giovane Lisa Gherardini sposò all’età di sedici anni Il mercante di sete Francesco del Giocondo. Proprio per questo fu detta la Gioconda.

Si è anche supposto che sorridesse perché il pittore aveva fatto venire dei musicisti per allietarla durante le lunghe ore in cui posava per il quadro.

Ma il dipinto potrebbe avere un senso più profondo: i paesaggi intorno a Monnalisa sono piuttosto triste, e quel suo sorriso appena accennato e vagamente melanconico induce il nostro sguardo a scorrere dall’uno all’altro. Leonardo voleva forse inviarci questo messaggio: la vita dura solo un breve istante, il sorriso di questa giovane non è che uno sprazzo di serenità, approfittiamone subito prima di ritornare al nulla.

E approfittiamone anche per osservare i suoi occhi, occhi che vi fissano sempre, ovunque vi troviate.

Ma come è possibile? Leonardo non ha ritratto la giovane di fronte, ma di tre quarti, il che la obbliga a girare leggermente il capo verso sinistra, per guardarvi di sbieco. Grazie a questa posizione, gli occhi di Monnalisa vi seguono anche quando vi spostate. Che magia!”

Fonte: Entrate nel quadro!, L’ippocampo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *